Ecco perché la teoria dei 432 Hz è una bufala

«432 Hz è la frequenza che risuona naturalmente con le frequenze base del nostro organismo e dell’universo. La musica che si basa sul 432 Hz dà pace, energia e guarigione».

«L’accordatura attuale, a 440 Hz, è stata introdotta da Goebbels, il gerarca nazista, per rendere aggressiva la popolazione».

Ma che cosa sono gli Hertz (Hz)? Che cos’è un’accordatura?

Tendendo o rilassando la corda di uno strumento ad arco, allungando o accorciando la cameratura di uno strumento a fiato, il suono cresce o cala, diventa più acuto o più grave. Diversi strumenti che suonano assieme, per essere intonati, devono suonare lo stesso suono (la stessa frequenza) quando suonano la stessa nota musicale. Questo significa accordare.

Convenzionalmente ci si accorda sulla nota LA, che oggi è a 440 Hz. Ma non è sempre stato così.

Ogni suono è una vibrazione dell’aria che si comprime e decomprime. Il numero di volte che il suono fa questo al secondo viene definito dal numero di Hertz. Un LA che suona a 440 Hz vibrerà 440 volte al secondo. Un LA a 432 Hz vibra poco più lentamente. È proprio questa vibrazione più lenta che ha fatto nascere questa teoria, questa cospirazione: i nazisti hanno introdotto il LA a 432 Hz per scopi malvagi.

La teoria dei 432 Hz

Prova a Googlare “432 Hz” e vedrai comparire un numero enorme di articoli e video YouTube riguardo all’intonazione LA = 432 Hz, una frequenza miracolosa che cura, rilassa e ti connette con la tua anima. 432 Hz è la frequenza naturale, risuona con il suono della Terra e con la struttura del nostro organismo, riequilibrandolo. Peccato che il ministro nazista della propaganda, Joseph Goebbles, lo abbia sostituto con il LA a 440 Hz.

Ma perché il 432 Hz sarebbe così grandioso? Prima di tutto il numero 432 avrebbe in sé proprietà speciali. È la somma di quattro numeri primi consecutivi, è la radice quadrata di rapporti numerici riferiti al triangolo equilatero, ci sono 432 statue di Buddha sul monte Meru, eccetera (ti consiglio di cercare tu stessa, troverai una miriade di altre spiegazioni).

Comunque si, è vero: ci sono milioni di persone che credono che Goebbels abbia imposto il 440 Hz per rendere le persone più ansiose ed aggressive.

Ecco perché la teoria dei 432 Hz è una bufala.

Non posso sostenere con certezza che non ci siano differenze psicologiche tra un LA a 432 ed uno a 440, ma sospetto che non siano differenze significative, visto che che in passato le orchestre in tutto il mondo intonavano dai 400 Hz ai 470 Hz. Ogni luogo aveva la sua propria intonazione. Era spesso difficile per un musicista suonare in un luogo diverso dal proprio abituale, avrebbe dovuto cambiare strumento, a volte.

I 432 Hz, oggi, ci suonano rilassati semplicemente perché siamo abituati ai 440 Hz. Se avessero scelto i 460 Hz come intonazione universale, i 440 Hz ci farebbero lo stesso effetto rilassante. Posso affermare, invece, con certezza che gli argomenti “mistici” e “spirituali” a favore del numero 432 riferito alla frequenza siano un non senso. 432 Hz è il numero di vibrazioni al secondo. Un secondo è un’unità di misura molto arbitraria.

Storicamente il secondo è stato definito come una frazione di tempo tra due lune nuove. Successivamente, è stato ridefinito come una certa frazione dell’anno solare. Nel sistema internazionale, oggi, è “la durata di 9192631770 oscillazioni complete delle onde emesse dall’atomo di cesio 133 tra due particolari livelli iperfini”

Già… La divina frequenza della natura stessa, i 432 Hz, è definita come una vibrazione di 212792402083 oscillazioni di una sostanza chimica non comune. Davvero molto spirituale.

Perché usiamo il LA a 440 Hz? (spoiler: nessun nazista)

All’epoca di Bach (ed anche prima) non c’era un modo comune di accordare gli strumenti. Lo stesso pezzo poteva suonare molto più alto o basso a seconda di dove fosse eseguito. Gli organi delle chiese di una stessa città, addirittura, potevano essere accordati in modo incompatibile tra loro. Nel corso dell’esecuzione di un brano, l’intonazione cambiava per colpa di calore ed umidità. Non era possibile (ed effettivamente non lo è sempre neanche oggi) suonare dall’inizio alla fine con la stessa accordatura. Nel 1711 viene inventato il diapason ma, nonostante ciò, non esisteva ancora un modo comune di accordare. Gruppi di diverse regioni suonavano con un’intonazione differente. Per capirci, più tendi una corda di uno strumento ad arco, più la nota diventa acuta.

Nel diciannovesimo secolo iniziano a capire che intonazioni più alte miglioravano il suono delle orchestre in quanto le corde degli archi, ormai più evolute tecnologicamente del passato, erano più stabili utilizzando tensioni più alte. Le orchestre iniziano a competere tra loro per ottenere un suono migliore, iniziando ad intonare le corde sempre più verso l’alto. In Francia si sceglie il LA a 435 Hz ed in Inghilterra a 439 Hz. Nel 1939, durante una conferenza internazionale a Londra, si decide di usare il fatidico 440 Hz in quando le apparecchiature elettroniche dell’epoca riuscivano a gestire meglio un valore tondo come il 440 invece che il 439, e le apparecchiature di riferimento erano quelle della BBC, notoriamente anti-nazista. Nel 1955 il LA a 440 Hz viene adottato dalla Organization for Standardization  (ISO).

Teoricamente questo, ancora oggi, è lo standard internazionale, nonostante molte orchestre suonino a 441, 442 o 443 Hz. Gli ensemble e le orchestre di musica antica, invece, utilizzano l’intonazione secondo la quale il pezzo fu pensato e scritto, con un range che può variare da 415 a 470 Hz.

Allora, perché credere a questa teoria?

Credere al complotto che cambia il LA da 432 a 440 Hz aiuta a calmarti: se sei ansiosa, tesa, nervosa e violenta non è colpa tua, è colpa di tutta questa musica ad alta frequenza che c’è in giro! Per fortuna che puoi comodamente scegliere un brano a 432 Hz su YouTube e calmarti.  

Ricordati, però, che tenere in piedi un’illusione costa a livello energetico: sei così sicuro che ne valga la pena?

9 pensieri riguardo “Ecco perché la teoria dei 432 Hz è una bufala

  1. Bellissimo articolo, invito comunque a provare l’ascolto, anche se mi trovo d’accordo sul fatto che non esiste nessun complotto, caso mai errori umani.
    Intanto vi lascio il link dell’articolo (aprile 2019) della prima ricerca scientifica al mondo (non esiste niente di pubblicato al riguardo prima di questo) sulle differenze tra l’ascolto di musica a 440 Hz e 432 Hz sul corpo umano.
    Grazie ancora per la Vostra divulgazione.
    https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1550830718302763

    1. Grazie per l articolo sulla ricerca, sarebbe stato a mio avviso utile sperimentare anche la condizione nella quale veniva proposto prima il 432 e poi il 440. Il secondo ascolto è stato fatto dopo aver già conosciuto la situazione e dunque in teoria le persone potevano essere più rilassate. È solo una ipotesi naturalmente.

  2. La Musica (M maiuscola) serve a rilassare o esaltare o emozionare … quando lo fa ha centrato il bersaglio che sia stata suonata con una accordatura o un’altra, una frequenza o un’altra ! Fatto sta che oggi con i rappers ( che chiamano musica …!?!) i ragazzi sono agitati e a dir poco “stravaganti”. Poi ognuno la pensi a modo suo.

  3. ….. e comunque se G.VERDI (…!!!) sosteneva l’armonia sviluppata dai 432 Hz e la stragrande maggioranza di tanti musicisti dell’epoca ( Nonchè alcuni più vicini a noi vedi p.es. i PINK FLOID con The Dark side of the moon …) e la “matrice militare” dei 440hz … non parlerei tanto di “bufala” anche se capisco che un musicista non ha le conoscenze di un Fisico Quantista…..!

    1. A dire il vero Giuseppe Verdi era favorevole all’introduzione del 440, perché favoriva la diffusione mondiale della sua musica in modo corretto. Nelle ultime sue opere appoggia in pieno il 440. Non sarò un fisico ma la storia della musica, al tuo contrario, la conosco.

    2. Al limite Fisico Quantistico, non “Quantista”. E per favore, non invochiamo i Quanti a sproposito, trasformando qualunque cosa in Pseudoscienza. La musica è arte, ma anche storia. Richiede competenze, e richiede studio. Se si parla di “accordatura” Gaetano Enna è competente, ha studiato. Non basta sfogliare Wikipedia, o fare una ricerca Google, per trasformare tutti in tuttologi.

  4. Condivido con l autore la necessità di approfondire questo tema, che sta diventando un modo per molti per guadagnare facilmente. Grazie a Gian Paolo per l articolo sulla ricerca, sarebbe stato a mio avviso utile sperimentare anche la condizione nella quale veniva proposto prima il 432 e poi il 440. Il secondo ascolto è stato fatto dopo aver già conosciuto la situazione e dunque in teoria le persone potevano essere più rilassate. È solo una ipotesi naturalmente.

Lascia un commento